Loading...
Age of Heroes
Anno:  
2011
Regista:  
Adrian Vitoria
Cast:  
Sean Bean, Danny Dyer, Aksel Hennie, Izabella Miko, James D’Arcy, Rosie Fellner
Paese:  
Regno Unito
Durata:  
90 min
0
736
Trama
 
HD
Attori
Adrian Vitoria

Age of Heroes", pellicola del 2011, diretta da Adrian Vitoria, è un film di guerra, ambientato in un momento storico delicato: l’esercito britannico è alle prese con i primi problemi legati all’inizio della seconda guerra mondiale, mentre il caporale Rains (Danny Dyer) viene messo in un campo di correzione dopo un episodio di insubordinazione. Stanco di dover trascorrere inesorabilmente le sue giornate in quel posto, una volta che il maggiore Jones (Sean Bean) si reca per aiutare uno dei suoi uomini, Rains decide di seguirlo. La decisione però porterà Rains ad entrare nel vivo di una missione segreta altamente rischiosa e importante per il futuro della Marina britannica.

La pellicola di Vitoria si ispira fortemente alle vicende avvenute al N.30 Royal Navy Commando, una speciale task force britannica a cui, durante il secondo conflitto mondiale, prese parte anche Ian Fleming, giornalista e militare britannico che è passato alla storia grazie alla creazione di uno dei personaggi più famosi del mondo del cinema: l’Agente 007. Lo scrittore britannico, infatti, ha scritto tutte le avventure della spia più famosa del pianeta, dando una nuova linfa vitale a tutta la letteratura inglese. All’inizio però non ebbe successo, poiché né critica né il pubblico lo apprezzavano veramente ma, nel 1962, quando al cinema uscì il primo film di James Bond, ovvero “Agente 007 – Licenza di uccidere”, Fleming fu totalmente rivalutato.

Tornando ad “Age of Heroes", il regista Adrian Vitoria mostra tutta la sua ottima conoscenza del genere d’azione, soprattutto in ambito bellico, andando ad omaggiare anche altri war movies. Una delle lacune della pellicola, però, è quella di non aver sfruttato al meglio proprio il personaggio di Ian Fleming, lasciato da parte senza approfondimento. L’unico a cui si dà rilievo e si dedica più spazio è al maggiore Jones, che viene sviluppato sotto diversi punti di vista mostrando le scelte difficili da fare durante momenti concitati. Notevole la grande interpretazione di Sean Bean, celebre per diversi ruoli tra cui Alec Trevelyan in “GoldenEye”, Boromir nella trilogia de “Il Signore degli Anelli” diretta da Peter Jackson e, rimanendo sempre in ambito fantasy, di Eddard Stark ne “Il Trono di Spade”.

“Age of Heroes” strizza l’occhio a numerosi altri film  di guerra, come “Dove osano le aquile”. Per tutta la durata della pellicola c’è poco spazio per l’immaginazione e i fatti raccontati risultano prevedibili, anche perché si cerca di tener conto dell’accortezza storica. Il film ha ricevuto diverse critiche negative, tra cui quelle sull’interpretazione di Danny Dyer, che risultata troppo piatta, e gli effetti speciali, troppo scadenti per un film di questo calibro, che conferma il budget molto ristretto con cui Vitoria ha dovuto lavorare. Dal canto suo, anche con questo film, il regista Adrian Vitoria ha offerto tutta la sua abilità nel gestire il genere d’azione e guerra, regalando emozioni, colpi di scena, imprevisti ed un finale inaspettato. La critica, però, evidenzia come nel film si sia valorizzato poco, o almeno in modo insufficiente, il personaggio di spicco, Ian Fleming, a cui non è stato dedicato il giusto e meritato approfondimento. E’, invece, il maggiore Jones il personaggio che viene sviluppato maggiormente, presentato al pubblico nella pienezza del suo ruolo, soprattutto nella sua capacità di gestire le situazioni più complesse e difficili. Tuttavia, Sean Bean non è una sorpresa, essendo già stato protagonista in altri film, quali “GoldenEye” (Alec Trevelyan), “Il Signore degli Anelli” (Boromir) e “Il Trono di Spade” (Eddard Stark).

Potrebbero piacerti
Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Cliccando su “Accetto” si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.   Leggi di più
Accetto
Registrati