Loading...
Gli Orrori del Castello di Norimberga
Anno:  
1973
Regista:  
Mario Bava
Cast:  
Joseph Cotten, Elke Sommer, Massimo Girotti, Antonio Cantafora, Umberto Raho, Valeria Sabel, Rada Rassimov, Nicoletta Elmi, Luciano Pigozzi, Dieter Tressler, Pilar Castel, Gustavo De Nardo, Irio Fantini, Rolf Hädrich, Maurice Poli, Helena Ronée
Paese:  
Italia
Durata:  
98 min
1
4407
Storia
 

Frutto della coproduzione tra Italia, Germania Ovest e Stati Uniti d’America, "Gli Orrori del Castello di Norimberga" di Mario Bava è ambientato e girato in Bassa Austria, tra Korneuburg e il Burg Kreuzenstein, nella frazione di Leobendorf.

La trama ha come protagonista Peter Von Kleist (interpretato da Joseph Cotten), uno dei discendenti di un crudele e terribile barone, vissuto nel XVII secolo. Con il desiderio di scoprire le sue origini e avendo tra le mani una magica pergamena, va a Norimberga, per visitare lo zio. Qui fa la conoscenza di una studentessa, che lo aiuta ad entrare nel castello dell'antenato, pronunciando la formula magica scritta sulla pergamena. La formula, però, risveglia lo spirito del barone Von Kleist, che riprende i suoi eccidi. La comparsa di una misteriosa bambina li salverà, riportando il terribile barone nel mondo dell’oltretomba, da cui ere provenuto.

La particolarità de "Gli Orrori del Castello di Norimberga" sta nelle grandi abilità mostrate dal suo regista, Mario Bava, un autentico maestro del cinema horror tradizionale. In questa pellicola è riuscito a mescolare. La maggior parte delle volte si è trovato a lavorare per la realizzazione di film disponendo di cast di bassa qualità, di scarse e insufficienti risorse economiche a disposizione e con poco tempo per realizzare i prodotti richiesti. Per, le grandi abilità di Mario Bava hanno superato ogni difficoltà, riuscendo a produrre cult movie eccellenti, in grado di dare vita  a generi cinematografici inesistenti fino a quel momento. Infatti, è riuscito a creare l’horror gotico con "La Maschera del Demonio"; il giallo all’italiana con "La Ragazza che Sapeva Troppo"; gli spaghetti western all’italiana con "Roy Colt & Winchester Jack". Inoltre, "Cani Arrabbiati" è stato il capostipite del cinema pulp, un genere che propone contenuti crudeli e forti situazioni macabre e raccapriccianti; "Reazione a catena" ha dato vita al genere degli slasher, che identifica quei film horror in cui prevale la vicenda del folle omicida, che perseguita un gruppo di persone.

Inoltre, Bava è divenuto famoso anche per la sua abilità nel realizzare effetti speciali e trucchi cinematografici semplici, ma molto originali in un momento storico in cui gli effetti digitali non avevano fatto la loro comparsa.

Anche in questo film è stato visibile il lavoro di Bava. Gli "Orrori del Castello di Norimberga" è ricco di inquadrature ottenute lavorando da angolazioni particolari, costruzioni di prospettiva molto particolari, primi piani molto curati, effetti ottici illusori e movimenti di macchina, in cui si mescolano il vertiginoso e l'ipnotico. Le immagini appaiono sempre ben composte, ordinate, pulite, grazie all’uso di colori brillanti e di un’illuminazione molto naturale, che conferisce un tocco speciale a tutta la sceneggiatura.

Elke Sommer e Joseph Cotten rappresentano i veri fiori all’occhiello della pellicola, capaci di rubare la scena a Massimo Girotti.

La critica e il pubblico hanno accolto con favore Gli Orrori del Castello di Norimberga. Gli intenditori più specializzati hanno rimproverato a Bava una trama troppo semplice e confusionaria, in grado di straniare lo spettatore, portandolo a confondersi e a pensare di trovarsi in un altro film.

Gli Orrori del Castello di Norimberga | The Film Club
Gli Orrori del Castello di Norimberga | The Film Club
Potrebbero piacerti
Questo sito utilizza dei cookie per monitorare e personalizzare l'esperienza di navigazione degli utenti. Cliccando su “Accetto” si autorizza l'utilizzo dei cookie su questo sito.   Leggi di più
Accetto
Registrati